PadovaGubbio17-17

Estratto Fonte: Francesco Cocchiglia per  IL MATTINO DI PADOVA


«Una partita vitale, da non sbagliare per nessun motivo». Parole e musica di Francesco Dettori. […] «Ci sono due o tre squadre, in questo girone, che hanno una classifica opposta a quella che potrebbero avere», spiega il centrocampista a due giorni dalla sfida di campionato al “Martelli”. «Il Mantova è una di queste: come organico potrebbe stare tra le prime otto, ma ha incontrato tanti ostacoli nel girone d’andata e li sta ancora pagando. Per noi sarà una partita complicata, contro un avversario che può mettere in difficoltà chiunque. Domenica scorsa ha vinto in casa della Feralpi, altra formazione che quanto a nomi per me potrebbe stare tranquillamente nei primi cinque posti, ma il Padova sa quello che deve fare: portare a casa il risultato, l’unico modo per rimanere tra le prime». Complici i due scontri diretti che vedranno coinvolte le concorrenti, per voi può essere uno dei fine settimana più importanti di questo girone di ritorno, tanto più dopo l’amaro pareggio con il Gubbio. «Amaro sì, ma solo per il modo in cui è arrivato. Perché ogni tanto bisogna anche essere onesti, per com’è andata la gara il pareggio non è uno scandalo, ma forse il risultato più giusto. Ho sentito tante critiche dopo l’1-1 di domenica, ma per me è sbagliato essere così drastici. È stato un piccolo intoppo, ci sono anche gli avversari, l’importante è che adesso non si freni di nuovo: ormai una sola gara può ribaltare interamente l’aspetto psicologico di questa corsa, basta una nostra vittoria e una sconfitta degli altri e tutto si riapre. Certo, se il Venezia continua a vincere in questo modo sarà quasi impensabile riuscire a prenderlo, ma ci sono ancora troppe partite per pensare che il discorso sia chiuso. È per questo che non possiamo sbagliare a Mantova».

[…]