Match Day

Padova – Piacenza

domenica 26 marzo, ore 17:30 – stadio Euganeo

  • I precedenti ufficiali fra le due squadre in Veneto sono 21: 8 le vittorie biancoscudate (ultima nella coppa Italia di C 1986/87), 10 i pareggi (ultimo 0-0 nella serie B 2010/11) e 3 successi dei biancorossi emiliani (ultimo 2-1 nella serie C-1 1986/87). Le ultime 7 sfide in Veneto sono sempre terminate in pareggio, cinque volte 0-0, due per 1-1. L’ultima volta che si è segnato all’ “Euganeo” tra le due squadre è stato nell’unico incrocio targato serie A, 23 dicembre 1995, 1-1 con reti di Gabrieli per i padroni di casa e Piovani per gli ospiti. La gara del 15 marzo 2020, infine, in serie C, non venne giocata per sospensione del torneo causa pandemia.
  • Padova reduce da 27 risultati utili consecutivi: 18 vittorie e 9 pareggi, ultima sconfitta datata 25 ottobre, 0-1 a Salò dalla Feralpi in campionato.
  • In casa Padova imbattuto in partite ufficiali dall’8 agosto scorso, 0-2 in coppa Italia, all’overtime, dall’Alessandria; da allora si contano 16 vittorie e 5 pareggi biancoscudati e che non subisce reti da 283’: ultima firmata Cerretelli al 77’ di Padova-Pro Sesto 2-1 (campionato) dello scorso 20 febbraio.
  • Padova formazione del girone A che guadagna il maggior numero di punti nelle riprese rispetto al 45’: +20 il saldo attivo biancoscudato.
  • Padova attacco-record del girone A con 54 reti segnate in 33 giornate: 13 di esse arrivano nei primi 15’ della ripresa, fra 46’ e 60’ di gioco.
  • Cosimo Chiricò uno dei 3 calciatori del girone A più volte sostituito: 23, come Belcastro (Trento) e Casiraghi (Sudtirol).
  • Rigori opposti di scena oggi all’ “Euganeo”: 1 soltanto subito in 33 turni dal Padova, 9 calciati dal Piacenza (record condiviso con Virtus Verona e Pro Sesto).
  • Piacenza che vanta due primati nel girone A: squadra che manda in rete meno giocatori, 10 (come Pro Patria, Mantova e Trento) ma che primeggia per reti siglate da subentranti (9, come Juventus U23 e Lecco).
  • Arbitro: Federico Fontani di Siena (Davide Contidi Seregno, Marco Croce di Nocera Inferiore e Andrea Zambetti di Lovere)

(Fonte: Football Data)