Mister Massimo Oddo nel post Padova-Giana: 

«Ero sicuro che la gara sarebbe stata complicata. Siamo partiti forti per cercare di sbloccarla subito e sapevo che se non fossimo riusciti a segnare nei primi 10 minuti poi la gara si sarebbe complicata come in effetti è stato. Non abbiamo fatto una grandissima partita ma non me la sento di gettare la croce addosso ai ragazzi. Prendiamoci la vittoria e pensiamo alle prossime. Ci sta, nel gioco del calcio di partite come queste ne ho viste un sacco. Ci prendiamo la vittoria e devo dire che siamo stati bravi a non rischiare troppo e con pazienza l’abbiamo portata a casa. Ho detto ai ragazzi di continuare a giocare a calcio che il varco prima o poi l’avremmo trovato e l’occasione ci sarebbe capitata.  Abbiamo fatto una rincorsa incredibile spendendo anche tanto dal punto di vista mentale, ora viene il bello. Un conto è incontrare il Fiorenzuola, un altro incontrare una squadra che rischia la retrocessione diretta. Con la foga di trovare il gol rischiavi di sbilanciarti, e invece non abbiamo subito neanche un tiro in porta. Adesso viene il bello. Il nostro obiettivo era arrivare a giocarci la gara di settimana prossima ed essere padroni del nostro destino. Sarà una gara completamente diversa da questa, dovremo essere convinti di noi stessi per portare fino in fondo quello che abbiamo fatto fin qui. Il rigore di Ceravolo? Avevo la brutta sensazione che l’avrebbe sbagliato. Ho buone sensazioni per il futuro, dobbiamo sapere quali sono le nostre qualità, se le mettiamo in campo sappiamo essere quelli che hanno fatto questa grande rincorsa e che vogliono portarla a compimento. Qualcuno potrà anche non essere contento della prestazione, ma io me ne fotto proprio, concedetemelo».