Ronaldo dopo Padova-Lecco: “Ogni tanto esagero un po’, rischiare a volte paga, i miei compagni mi hanno dato la possibilità di mettermi in mostra. Credo che il gol al Lecco, se me lo danno, sia uno dei più belli che abbia mai fatto. Ne ho saltati un po’ di avversari, fortunatamente non è l’unico gol bello che ho fatto, ma sono soddisfatto di più della vittoria. Oggi chi è venuto allo stadio credo si sia divertito. L’esultanza? Ho aspettato che la palla entrasse, sono giocate che capitano, nel momento può succedere di tutto, poi non ti sembra vero, ho rischiato quando mi son girato spalle alla porta, ma è venuto tutto naturale, però mi son riguardato il video 3-4 volte. Abbiamo preparato la partita in questo modo, dovevo toccare più palloni del solito. Con l’arrivo di Dezi abbiamo un po’ di palleggio in più, ci sta dando una mano. Ma non dimentico nemmeno Settembrini, Saber e Della Latta che ha portato avanti la carretta fino a questo momento. Abbiamo tenuto bene e abbiamo fatto una partita importante. Per me il rigore non c’era. Il Trento? All’andata abbiamo rischiato grosso, ma dobbiamo avere la serenità per preparare bene la partita e di portare a casa i tre punti. Dobbiamo continuare a pensare a noi stessi, al nostro percorso in questi anni, dobbiamo dare il massimo per i nostri tifosi, nel calcio ci vuole veramente poco, ma i conti si fanno alla fine”.

Come mai gioco in C? Adesso lo posso dire che è anche per scelta mia se sono un giocatore di “C”. Possiamo chiamarlo progetto quello mio di venire qui a Padova e tornare in B. L’importante è essere felice! Padova mi ha sempre dato tanto, mi ha dato l’opportunità di essere un calciatore, un calciatore importante, di fare il capitano in una squadra costruita per vincere, sicuramente sarò qui finché non raggiungerò questo obbiettivo sarò qui per provarci! Il rinnovo? Non ci sono problemi ne da parte mia, ne da parte della società, ora abbiamo altre cose più importanti a cui pensare”.