Mister Raffaele Longo dopo Padova-Legnago: “Purtroppo non abbiamo fatto la partita che pensavamo di fare, primo tempo non all’altezza, è colpa mia che dovevo fare altre valutazioni. Nel secondo tempo ci siamo ripresi, ma quando regali un tempo non sempre riesci a vincere. Bisogna trarre il massimo da queste prossime 10 partite. L’esonero di Pavanel? Ieri li avevo visti bene, ma sono esseri umani, è normale che risenti qualcosa. Non siamo riusciti a fare le nostre cose, sapevamo del loro attaccare la linea in profondità, siamo stati bravi a pareggiare subito, ma non abbiamo trovato il gol della vittoria. Rimonta finita? Finchè la matematica non ci condanna, abbiamo avuto la prova l’anno scorso. Peccato perchè potevamo accorciare… Il ritorno in panchina? Ha poca importanza, la società mi ha chiesto di esserci e l’ho fatto con grande orgoglio. Gasbarro? Fastidio al flessore, sia lui che Ajeti saranno valutati domani, anche lui ha sentito qualcosina. Futuro? Continuerò nello staff, come ho fatto negli ultimi tre anni, credo che ci meritiamo dopo tre anni al vertice di riuscire nell’intento”.