News Scuola Calcio

presentazionescuolacalcio

In un Macron Store Padova gremito si è svolta ieri pomeriggio la presentazione della Scuola Calcio Padova. A fare gli onori di casa il Presidente del Settore Giovanile biancoscudato Massimo Poliero, il responsabile del Settore Giovanile Giorgio Molon e Federico Nicolazzi portavoce di Bernardinello Engineering, main sponsor della Scuola Calcio.

Massimo Poliero: È un giorno importante in cui presentiamo le nuove maglie e le scuole calcio, li presentiamo insieme perché siamo convinti che ogni aspetto vada curato nel migliore dei modi. È bellissimo essere in mezzo a tutti questi ragazzi, la loro verve ci riempie di gioia! Ringrazio Bernardinello Engineering per la loro vicinanza alla Scuola Calcio, accompagnando questi ragazzi lungo un percorso importante e delicato. Non c’è solo l’aspetto tecnico ma anche quello umano, e quindi ciò che ci preme è che questi ragazzi vengano ad allenarsi col sorriso e facciano gruppo tra di loro. Quest’anno la Scuola Calcio Padova conta 240 bambini! Avremo un campioncino in futuro? Non è così importante, certo ci proveremo e tenteremo di aiutare i giovani a crescere e a inserirsi nel mondo reale e nel mondo dello sport”.

Giorgio Molon: Il tempo passa… Ho fondato la Scuola Calcio nel 1992, ed è un onore! In 23 anni sono cambiate tante cose. L’avvento di Massimo Poliero ci sprona ad innovare e ad essere al passo coi tempi, e per la prima stagione la Scuola Calcio del Padova arriva fino al calcio a 11 dopo aver fatto con questi ragazzi calcio a 5, a 7 e a 9. Con soddisfazione cercheremo di proseguire su questa strada. Quattro ragazzini e tre allenatori sono passati quest’anno dalla Scuola Calcio al Settore Giovanile”.

Federico Nicolazzi: “Ci siamo appassionati a questo progetto, negli ultimi due anni sono cambiate tante cose: sono rimasti immutati gli aspetti dell’organizzazione tecnica e della scuola calcio. Ci siamo avvicinati con piacere al progetto della “Stanza dei Sogni”, è impossibile rimanere insensibili a queste tematiche! Seguire questa Scuola Calcio è un orgoglio, e con l’avvento di Massimo Poliero abbiamo assistito ad un aumento di attenzione, il che non può che farci piacere, i risultati si stanno vedendo”.

Piera Lazzarini (coordinatrice infermieristica “Stanza dei sogni”): “La pediatria ha bisogno di sponsor e di contributi economici per sopperire alla diminuzione dei fondi messi a disposizione dallo stato. L’ospedale ha una funzione importantissima. La Stanza dei sogni vuole essere una risposta al dolore che i bambini normalmente sentono quando entrano in ospedale. Dobbiamo fare tanti esami e il dolore non deve essere percepito perché crea grossi danni. Se i neonati sentono tanto male aumenta l’incidenza della mortalità. Tempo fa si credeva che il bambino non sentisse male e invece non è assolutamente vero. Noi vogliamo evitare che loro abbiano paura, rispettando colori, giochi, aromi e profumi. Non perché siamo tanto buoni ma perché è un diritto di ogni bambino non sentire male”