Con la stagione 2017/2018 che ha decretato gli ultimi verdetti (il Cosenza è stato promosso in Serie B), l’elenco delle squadre che dovrebbero partecipare al prossimo campionato è quasi completo; il condizionale è d’obbligo viste le sorprese che ogni anno riserva l’estate calda delle iscrizioni ai campionati professionisti.

Sono previste novità nelle graduatorie ripescaggi: il primo posto libero andrà ad una squadra B (novità che sarà introdotta dalla prossima stagione), il secondo ad una retrocessa dalla Serie C, il terzo ad una di Serie D che farà domanda di ripescaggio e così via.

*In questa lista sono compresi Bassano Virtus e Vicenza (Bassano Virtus che si trasferirà allo Stadio Menti)

COMPOSIZIONE SERIE C 2018/2019

PIEMONTE: 5 – Alessandria, Cuneo, Novara, Pro Vercelli, Gozzano

LOMBARDIA: 6 – Giana Erminio, Renate, Monza, FeralpiSalò, AlbinoLeffe, Pro Patria

LIGURIA: 2 – Virtus Entella, Albissola

TRENTINO ALTO ADIGE: 1 – SudTirol

VENETO:  4 – Mestre, Vicenza**, Bassano Virtus**, Virtus Verona

FRIULI VENEZIA GIULIA: 2 – Pordenone, Triestina

TOSCANA: 7 – Arezzo, Lucchese, Robur Siena, Pistoiese, Pontedera, Carrarese, Pisa

EMILIA ROMAGNA: 5 – Piacenza, Pro Piacenza, Ravenna, Reggiana, Rimini

MARCHE: 4 – Fermana, Sambenedettese, A.J. Fano, Vis Pesaro

ABRUZZO: 1 – Teramo

UMBRIA: 2 – Gubbio, Ternana

LAZIO:  2 – Viterbese, Rieti

PUGLIA:  4 – Virtus Francavilla, Fidelis Andria, Bisceglie, Monopoli

CAMPANIA: 3 – Juve Stabia, Paganese, Casertana

BASILICATA: 2 – Matera, Potenza

CALABRIA: 4 – Reggina, Catanzaro, Rende, Vibonese

SICILIA: 4 – Trapani, Siracusa, Catania, Sicula Leonzio

SARDEGNA: 2 – Olbia, Arzachena

**il Bassano Virtus verrà trasferito a Vicenza

ISCRIZIONI:
Comunicazioni ufficiali

  • TRAPANI CALCIO: 12 Giugno 2018Al fine di fare chiarezza sulla situazione attuale del Trapani Calcio ed onde evitare la diffusione di notizie prive di fondamento, si comunica quanto segue.Come è noto a tutti, il comandante Morace, a cui si deve la “rinascita” del Trapani Calcio che ha fatto sognare i Trapanesi portandoli ad un passo dalla serie “A”, avrebbe voluto fare già da tempo un passo indietro e passare il testimone della guida del Trapani Calcio. La mancanza però di soggetti interessati e con un progetto serio e credibile gli ha fatto sempre rimandare la decisione e il Comandante, proprio per l’amore nei confronti della squadra e della città di Trapani, ha proseguito nel suo impegno nel corso di questi anni.

    Alla fine della scorsa stagione sportiva, nonostante i noti accadimenti che hanno investito la Liberty Lines e una retrocessione assolutamente immeritata, il Comandante Morace ha deciso, sempre per l’amore verso la città, la squadra, i suoi tifosi, di proseguire ancora per un’altra stagione sportiva.

    Nel frattempo ha continuato a cercare soggetti che potessero rilevare la società  Trapani calcio, con un progetto serio, che ne potesse garantire  la continuità nel tempo.

    Sono state già da marzo avviate interlocuzioni tramite consulenti di fiducia del Comandante Morace, che, nonostante apparissero sempre ad un passo dalla definizione, ad oggi non si sono concretizzate.

    Il 4 giugno scorso, anche al fine di cercare accelerare il percorso e valutare l’esistenza di altri soggetti interessati, stante le imminenti scadenze federali, il Comandante Vittorio, consapevole della sua impossibilità a proseguire, per i più disparati motivi comunque trasmessi alla tifoseria ed alla città tutta, ha reso ufficiale e pubblica la propria decisione.

    Nel contempo la stessa decisione è stata condivisa dalla Liberty Lines, anch’essa impossibilitata a proseguire nell’oneroso impegno che, nonostante tutto, ha continuato in questi ultimi anni.

    La proprietà continua comunque ad adoperarsi per  individuare eventuali soggetti interessati a rilevare la Società.

     

    Lo stato delle trattative.

    Si precisa che questo comunicato viene trasmesso solo oggi per evitare strumentalizzazioni nella tornata elettorale che ha visto impegnata la città di Trapani.

    Alla data odierna sono giunte al Trapani Calcio, anche per il tramite dell’amministratore dott.ssa Iracani, diverse manifestazioni d’interesse, ma solo due sono state ufficialmente formalizzate.

    Una da parte dell’avvocato Bosco, per conto del dottor Giuseppe Bologna, ed un’altra per conto di una società che ha richiesto la massima riservatezza.

    La società ha dato la massima disponibilità e fornito ogni informazione utile ai fini di una valutazione dell’acquisizione, ma ad oggi non si sono avuti riscontri concreti.

    Si ribadisce che ogni richiesta proveniente da soggetti che intendessero manifestare interesse all’acquisizione della Società sarà presa in considerazione.

    Si sottolinea che l’unico interesse della proprietà è legato alla prosecuzione dell’attività sportiva professionistica in città ed al mantenimento dei livelli occupazionali dei dipendenti, pertanto vi è la massima disponibilità ad agevolare il percorso.

    Si aggiunge inoltre che, qualora l’imminente scadenza per l’iscrizione al campionato dovesse rappresentare un ostacolo al completamento di una eventuale trattativa, l’attuale proprietà è disposta anche a valutare l’ipotesi di anticipare le somme necessarie facendosi carico, temporaneamente, di tale ulteriore impegno.

     

    Alla luce di tutto quanto rappresentato, si invitano i soggetti che possano essere  interessati a rilevare la società Trapani Calcio a formalizzare nel più breve tempo la propria manifestazione d’interesse e nel contempo si fa appello anche alla nuova Amministrazione Comunale, affinché possa farsi parte attiva nella ricerca di esponenti delle professioni, dell’imprenditoria, del commercio e del tessuto produttivo, nella considerazione che il Trapani Calcio è patrimonio della Città e rappresenta per la stessa, non solo un valore sportivo, ma soprattutto sociale.


  • JUVE STABIA: 12 Giugno 2018

    Cari tifosi della Juve Stabia,

    con forte rammarico e sincero dispiacere Vi annuncio che quest’anno non potrò garantire l’iscrizione della nostra squadra al campionato di calcio di Lega Pro 2018/2019.
    Il calcio nelle serie minori, purtroppo, rappresenta oggi giorno un lusso che poche persone si possono ancora permettere. A fronte di un calo costante del pubblico su scala nazionale e locale, dato che la maggior parte degli appassionati preferisce oramai seguire in TV la Champions League e la Serie A, gli introiti per le piccole società come la nostra sono risibili, l’interesse commerciale nullo, l’apporto istituzionale inesistente.
    Negli ultimi anni ho provato sottotraccia, per non influire negativamente sull’andamento della squadra nei campionati in corso, a sondare l’interesse di numerosi interlocutori, in Italia e all’estero, per trasferire la totalità delle mie quote azionarie della S.S. Juve Stabia o almeno la maggioranza di esse; purtroppo, nessuna delle persone che ho incontrato si è mai mostrata realmente interessata a rilevarle per entrare in società.
    Sono entrato a far parte della Juve Stabia nel lontano 2008, coinvolto dall’allora Sindaco Vozza, come socio di minoranza insieme ad altri tre azionisti. Da allora, come noto, sono rimasto totalmente solo, compiendo enormi sacrifici, economici e personali, e togliendo tempo al mio lavoro e alla mia famiglia, con il solo obiettivo di salvare il calcio a Castellammare e regalare qualcosa di bello alla città in cui sono nato. Sono stati anni straordinari, dove fortunatamente le gioie sono state maggiori delle delusioni. Roma, Genova, Firenze, si tratta di emozioni che non potrò mai dimenticare e che sono orgoglioso di aver vissuto abbracciato a Voi.
    Adesso, tuttavia, non posso più proseguire questa avventura. Mi auguro davvero con il cuore che possiate comprenderlo, dato che sono il primo a soffrirne.

    Con affetto,
    Franco Manniello


  • REGGIANA: 12 giugno 2018

    «Dopo i recenti avvenimenti, dopo averci pensato molto e fatto molte considerazioni, Alicia e io abbiamo deciso di mettere la Reggiana in vendita, totalmente o in parte. Questa è una battaglia molto impegnativa da combattere per una famiglia sola – prosegue il presidente – E, purtroppo, si stanno avvicinando scadenze che non ci lasciano il tempo di prendere una pausa e lavorare sulle questioni legali. Invitiamo potenziali partner o proprietari a farsi avanti immediatamente».

    Mike Piazza


 

 

RIEPILOGO:

Retrocessioni dalla Serie B:

Virtus Entella
Ternana
Pro Vercelli
Novara


Retrocesse dalla Lega Pro in Serie D:

Racing Fondi
Gavorrano
Santarcangelo
Modena (escluso dal campionato)
Akragas
Prato


PROMOSSE DALLA SERIE D:

Gozzano
Pro Patria

Albissola
Virtus Verona
Rimini
Vis Pesaro
Rieti
Potenza
Vibonese


GRADUATORIA RIPESCAGGI:

La Serie D ha espresso i suoi verdetti. Dopo le promozioni di 9 nuove compagini, sono terminati anche i playoff nei 9 gruppi che compongono la Serie D. Le 9 vincitrici degli spareggi entreranno nella graduatoria che stabilisce chi potrà ambire al ripescaggio in Lega Pro con questo criterio: il primo posto libero andrà ad una squadra B, il secondo ad una retrocessa dalla Serie C, il terzo ad una di Serie D che farà domanda di ripescaggio e così via:

  1. Cavese
  2. Como
  3. Matelica
  4. Albalonga
  5. Arzichiampo
  6. Imolese
  7. Pergolettese
  8. Igea Virtus

CRITERI RIPESCAGGI 2018/2019

REGOLAMENTO PER L’INTEGRAZIONE DELL’ORGANICO DEL CAMPIONATO SERIE C

Fermo restando quanto disposto nel Comunicato Ufficiale n. 72 del 19.12.2017, si riportano di seguito i criteri per la formulazione della graduatoria delle Società del Dipartimento Interregionale, ai fini dell’integrazione dell’organico del Campionato Serie C stagione sportiva 2018/2019, che avverrà secondo le modalità e nei limiti fissati nel suddetto Comunicato Ufficiale:

A) Le nove squadre vincenti la finale dei play off di ciascun girone saranno inserite in una graduatoria finale sulla base di un punteggio determinato dalla somma dei seguenti valori: – media punti in classifica di ciascuna squadra, che avrà vinto la finale dei play off di girone, al termine della regular season (stagione sportiva 2017/2018);

– alla squadra vincitrice la Coppa Italia Serie D 2017/18, che avrà vinto la finale dei play off di girone, sarà aggiunto alla media punti un ulteriore punteggio di 0,50.
– alla squadra perdente la finale della Coppa Italia Serie D 2017/18, che avrà vinto la finale i play off di girone, verrà attribuito un ulteriore punteggio di 0,25.
– alla squadra classificatasi al primo posto del girone per il Concorso “Giovani D valore”, che avrà vinto la finale dei play off di girone, verrà attribuito un ulteriore punteggio di 0,10.
– alle squadre classificatesi al secondo e terzo posto di ciascun girone per il Concorso “Giovani D valore”, che avranno vinto la finale dei play off di girone, verrà attribuito un ulteriore punteggio di 0,05.
In caso di parità di punteggio tra le società sopra citate prevarrà la società con la migliore posizione in classifica in ciascun girone al termine della regular season. Persistendo ulteriore parità di punteggio tra le società sopra citate, prevarrà la società con la migliore posizione in classifica nella Coppa Disciplina la termine della regular season. In caso di ulteriore parità, si procederà al sorteggio.

B) Nel caso in cui, esaurita la graduatoria di cui al punto A) l’organico non sia completato si formerà una seconda graduatoria composta dalle nove squadre perdenti la finale dei play off di ciascun girone, le quali saranno inserite nella citata graduatoria sulla base di un punteggio determinato dalla somma dei seguenti valori:
– media punti in classifica di ciascuna squadra, che avrà perso la finale dei play off di girone, al termine della regular season (stagione sportiva 2017/2018);
– alla squadra vincitrice la Coppa Italia Serie D 2017/18, che avrà perso la finale dei play off di girone, sarà aggiunto alla media punti un ulteriore punteggio di 0,50;
– alla squadra perdente la finale della Coppa Italia Serie D 2017/18, che avrà perso la finale dei play off di girone, verrà attribuito un ulteriore punteggio di 0,25;
– alla squadra classificatasi al primo posto del girone per il Concorso “Giovani D valore”, che avrà perso la finale dei play off di girone, verrà attribuito un ulteriore punteggio di 0,10.
– alle squadre classificatesi al secondo e terzo posto di ciascun girone per il Concorso “Giovani D valore”, che avranno perso la finale dei play off di girone, verrà attribuito un ulteriore punteggio di 0,05. In caso di parità di punteggio tra le società sopra citate prevarrà la società con la migliore posizione in classifica in ciascun girone al termine della regular season. Persistendo ulteriore parità di punteggio tra le società sopra citate, prevarrà la società con la migliore posizione in classifica nella Coppa Disciplina la termine della regular season. In caso di ulteriore parità, si procederà al sorteggio.

C) Nel caso in cui, esaurita la graduatoria di cui ai punti A) e B) l’organico non sia completato si formerà una terza graduatoria composta dalle diciotto squadre perdenti la prima fase (semifinali di play off di ciscun girone), le quali saranno inserite nella citata graduatoria sulla base di un punteggio determinato dalla somma dei seguenti valori:
– media punti in classifica di ciascuna squadra, che avrà perso la semifinale dei play off di girone, al termine della regular season (stagione sportiva 2017/2018); – alla squadra vincitrice la Coppa Italia Serie D 2017/18, che avrà perso la semifinale dei play off di girone, sarà aggiunto alla media punti un ulteriore punteggio di 0,50;
– alla squadra perdente la finale della Coppa Italia Serie D 2017/18, che avrà perso la semifinale dei play off di girone, verrà attribuito un ulteriore punteggio di 0,25;
– alla squadra classificatasi al primo posto del girone per il Concorso “Giovani D valore”, che avrà perso la semifinale dei play off di girone, verrà attribuito un ulteriore punteggio di 0,10.
– alle squadre classificatesi al secondo e terzo posto di ciascun girone per il Concorso “Giovani D valore”, che avranno perso la semifinale dei play off di girone, verrà attribuito un ulteriore punteggio di 0,05. In caso di parità di punteggio tra le società sopra citate prevarrà la società con la migliore posizione in classifica in ciascun girone al termine della regular season. Persistendo ancora la parità numerica, acquisirà la posizione tra le squadre ex equo, quella meglio cassificata nella Coppa Disciplina al termine della regolar season. In caso di parità, si procederà a sorteggio.

TABELLA PUNTEGGI GRADUATORIA DI CUI ALL’ART. 49, LETT. C), PUNTO 3) DELLE N.O.I.F.

A) Le nove squadre vincenti la finale dei play off di ciascun girone saranno inserite in una graduatoria finale sulla base di un punteggio determinato dalla somma dei seguenti valori:

– media punti in classifica di ciascuna squadra, che avrà vinto la finale dei play off di girone, al termine della regular season (stagione sportiva 2017/2018);
– alla squadra vincitrice la Coppa Italia Serie D 2017/18, che avrà vinto la finale dei play off di girone, sarà aggiunto alla media punti un ulteriore punteggio di 0,50.
– alla squadra perdente la finale della Coppa Italia Serie D 2017/18, che avrà vinto la finale i play off di girone, verrà attribuito un ulteriore punteggio di 0,25
– alla squadra classificatasi al primo posto del girone per il Concorso “Giovani D valore”, che avrà vinto la finale dei play off di girone, verrà attribuito un ulteriore punteggio di 0,10.
– alle squadre classificatesi al secondo e terzo posto di ciascun girone per il Concorso “Giovani D valore”, che avranno vinto la finale dei play off di girone, verrà attribuito un ulteriore punteggio di 0,05. In caso di parità di punteggio tra le società sopra citate prevarrà la società con la migliore posizione in classifica in ciascun girone al termine della regular season. Persistendo ulteriore parità di punteggio tra le società sopra citate, prevarrà la società con la migliore posizione in classifica nella Coppa Disciplina la termine della regular season. In caso di ulteriore parità, si procederà al sorteggio.

B) Nel caso in cui, esaurita la graduatoria di cui al punto A) l’organico non sia completato si formerà una seconda graduatoria composta dalle nove squadre perdenti la finale dei play off di ciascun girone, le quali saranno inserite nella citata graduatoria sulla base di un punteggio determinato dalla somma dei seguenti valori:
– media punti in classifica di ciascuna squadra, che avrà perso la finale dei play off di girone, al termine della regular season (stagione sportiva 2017/2018);
– alla squadra vincitrice la Coppa Italia Serie D 2017/18, che avrà perso la finale dei play off di girone, sarà aggiunto alla media punti un ulteriore punteggio di 0,50;
– alla squadra perdente la finale della Coppa Italia Serie D 2017/18, che avrà perso la finale dei play off di girone, verrà attribuito un ulteriore punteggio di 0,25;
– alla squadra classificatasi al primo posto del girone per il Concorso “Giovani D valore”, che avrà perso la finale dei play off di girone, verrà attribuito un ulteriore punteggio di 0,10.
– alle squadre classificatesi al secondo e terzo posto di ciascun girone per il Concorso “Giovani D valore”, che avranno perso la finale dei play off di girone, verrà attribuito un ulteriore punteggio di 0,05. In caso di parità di punteggio tra le società sopra citate prevarrà la società con la migliore posizione in classifica in ciascun girone al termine della regular season. Persistendo ulteriore parità di punteggio tra le società sopra citate, prevarrà la società con la migliore posizione in classifica nella Coppa Disciplina la termine della regular season. In caso di ulteriore parità, si procederà al sorteggio.