Con la stagione 2018/2019 che sta decretando gli ultimi verdetti , l’elenco delle squadre che dovrebbero partecipare al prossimo campionato è quasi completo; il condizionale è d’obbligo viste le sorprese che ogni anno riserva l’estate calda delle iscrizioni ai campionati professionisti.


COMPOSIZIONE SERIE B 2019/2020

Ascoli
Benevento
Chievo Verona
Cittadella
Cosenza
Cremonese
Crotone
Empoli
Frosinone
Juve Stabia
Livorno
Palermo
Perugia
Pescara
Pordenone
Salernitana*
Spezia
Virtus Entella
Venezia*
1 squadra retrocessa dalla Serie A
1 squadra promossa ai playoff Serie C
1 squadra promossa ai playoff Serie C

Comunicazioni ufficiali

13 maggio 2019 LEGA SERIE B

Il Tribunale Federale Nazionale – Sezione Disciplinare presieduto da Cesare Mastrocola ha retrocesso il Palermo all’ultimo posto della Serie BKT della stagione sportiva in corso. La società è stata sanzionata per una serie di irregolarità gestionali da parte di alcuni ex dirigenti. Il TFN ha dichiarato inammissibile il deferimento nei confronti di Maurizio Zamparini, all’epoca dei fatti presidente del Consiglio di Amministrazione del Palermo, mentre ha inflitto 5 anni di inibizione con preclusione ad Anastasio Morosi e 2 anni di inibizione a Giovanni Giammarva, rispettivamente presidente del Collegio sindacale e presidente del Consiglio di Amministrazione della società.

COMPOSIZIONE SERIE C 2019/2020

PIEMONTE:  – Alessandria, Novara, Pro Vercelli, Gozzano, Juventus U23

LOMBARDIA:  – Giana Erminio, Renate, Monza, FeralpiSalò, AlbinoLeffe, Pro Patria, Lecco, Como

LIGURIA:  – Albissola

TRENTINO ALTO ADIGE:  – SudTirol

VENETO:   –  Padova, L.R. Vicenza Virtus, Arzignano ValChiampo

FRIULI VENEZIA GIULIA:  – Triestina*

TOSCANA:  – Arezzo*, Lucchese, Robur Siena, Pistoiese, Pontedera, Carrarese, Pisa*

EMILIA ROMAGNA:  – Carpi, Piacenza*, Ravenna, Rimini, Imolese

MARCHE:  – Fermana, Sambenedettese, Vis Pesaro

ABRUZZO:  – Teramo

UMBRIA:  – Gubbio, Ternana

LAZIO:   – Viterbese, Rieti

PUGLIA:   –  Foggia, Virtus Francavilla, Monopoli

CAMPANIA:  – Paganese, Casertana, Cavese

BASILICATA:  – Potenza

CALABRIA:  – Reggina, Catanzaro, Rende, Vibonese

SICILIA:  – Palermo, Trapani*, Siracusa, Catania, Sicula Leonzio

SARDEGNA:  – Olbia, Arzachena

 

*impegnata nei playoff Serie C
**impegnata nei playout Serie C
***
° Problemi di fideiussione o stipendi

ISCRIZIONI:
Comunicazioni ufficiali

TRAPANI CALCIO

4 Giugno 2019

In riferimento al comunicato pubblicato attraverso l’AIC dei propri Calciatori Professionisti, la Proprietà del Trapani Calcio intende rappresentare quanto segue.

Fin dal proprio insediamento, la Proprietà ha sempre ottemperato e rispettato tutte le scadenze federali in calendario, tra cui quella dello scorso 18 marzo. Relativamente alla messa in mora arrivata nella tarda mattinata del 3 giugno, nelle tempistiche e nella forma inspiegabili (la Società ha venti giorni di tempo per ottemperare al “lamentato”), si sottolinea che l’amministratore delegato del Trapani Calcio ha cominciato ad elargire gli emolumenti relativi al mese di marzo 2019 dal lunedì antecedente la doppia sfida play-off contro il Catania; attualmente solo sei calciatori professionisti della Prima Squadra non hanno ricevuto la retribuzione di marzo 2019 e le stesse saranno corrisposte a breve come comunicato venerdì scorso ai rappresentanti della squadra.

L’Amministratore Delegato del Trapani Calcio si sta adoperando per anticipare il più possibile l’iter di iscrizione da rispettare entro il 24 giugno, secondo le attuali normative federali e avrebbe gradito il non prolungarsi di strumentalizzazioni rivolte esclusivamente a screditare continuamente questa Proprietà. La Fm Service Srl, rappresentata da Maurizio De Simone, nell’ultimo periodo oggetto di continui insulti gratuiti e che, in dipendenza di ciò, è in fase di  approfondita riflessione, ha comunque  fino ad ora assicurato la normale gestione finanziaria del Trapani Calcio secondo i propri principi. La Proprietà ha sempre fatto del dialogo la propria arma, riconoscendo anche eventuali errori nei confronti dei propri tesserati e/o dell’ambiente, qualora ce ne fossero stati, e confida nel buon senso di tutti affinché si continui incessantemente a sostenere la squadra verso un obiettivo comune.

 

RIEPILOGO:

Retrocessioni dalla Serie B:

Foggia
Padova
Carpi
Salernitana o Venezia


Retrocesse dalla Lega Pro in Serie D:

Pro Piacenza (radiazione)
A.J. Fano
Matera (radiazione)
Cuneo
Virtus Verona
Bisceglie


PROMOSSE DALLA SERIE D:

Lecco
Como
Arzignano ValChiampo
Pergolettese
Pianese
Cesena
Avellino
Az Picerno
Bari


GRADUATORIA RIPESCAGGI:

Graduatorie provvisorie delle squadre partecipanti ai playoff di Serie D, dopo le finali. Le definitive arriveranno con i verdetti dei gironi D, F e G che devono ancora vivere il loro epilogo.

Sono due gli elenchi che verranno redatti dalla Lega Nazionale Dilettanti: un elenco con le nove squadre che hanno vinto le finali playoff del proprio girone e l’altro elenco con le nove società perdenti le finali playoff del proprio girone. Naturalmente si dovrà scorrere prima l’intera graduatoria delle vincenti i play-off prima di poter scorrere quella dei club perdenti i play-off.

Il Matelica se dovesse vincere la finale playoff che giocherà domenica prossima sarà prima in graduatoria grazie al bonus pari a 0.50 di coefficiente ottenuto grazie al successo di sabato scorso nella finale di Coppa Italia di Serie D.

Graduatoria Ripescaggi in Serie C squadre vincenti play-off
1) Matelica* 2.60 (2.10+0.50)
2) Audace Ceringola 2.20
3) Lanusei* 2.18
4) Modena* 2.14
5) Pro Sesto 2.02
6) Turris 1.97
7) Reggiana* 1.94
8) Ponsacco 1.92
9) Latte Dolce* 1.86
10) Campodarsego 1.76
11) Recanatese* 1.65
12) Inveruno 1.58

* sarà presente in graduatoria solo in caso di vittoria in finale play-off

Graduatoria Ripescaggi in Serie C squadre perdenti play-off
1) Mantova 2.44
2) Lanusei* 2.18
3) Modena* 2.14
4) Matelica* 2.10
5) Taranto 2.08
6) Adriese 2
7) Reggiana* 1.94
8) Latte Dolce* 1.86
9) Gavorrano 1.68
10) Recanatese* 1.65
11) Ligorna 1.58
12) Marsala 1.55

* sarà presente in graduatoria solo in caso di sconfitta in finale play-off


CRITERI RIPESCAGGI 2019/2020

REGOLAMENTO PER L’INTEGRAZIONE DELL’ORGANICO DEL CAMPIONATO SERIE C

Ripescaggi Serie C Girone A Girone B Girone C 2019 2020
Il Consiglio Federale ha pubblicato un comunicato con tutte le modalità per il ripescaggio.

Il Consiglio Federale

– ravvisata la necessità di stabilire i criteri e le procedure per l’integrazione degli organici in ambito professionistico per la stagione sportiva

visto l’art. 27 dello Statuto Federale

delibera di fissare i criteri e le procedure per l’integrazione degli organici dei Campionati Professionistici

CRITERI E PROCEDURE PER L’INTEGRAZIONE DEGLI ORGANICI DEI CAMPIONATI PROFESSIONISTICI

In caso di vacanza di organico nei Campionati professionistici 2019/2020, determinatasi all’esito delle procedure di rilascio delle Licenze Nazionali per l’ammissione al relativo campionato o determinatasi per revoca o decadenza dalla affiliazione, l’integrazione degli organici avverrà, con delibera del Consiglio Federale, secondo i criteri e le procedure di seguito trascritte.

A3) Per il ripescaggio al Campionato di Lega Pro – Divisione Unica 2019/2020, in caso di vacanza di organico, saranno ammesse in ordine alternato una società che abbia disputato il Campionato di Interregionale nella stagione sportiva 2018/2019, seguendo la graduatoria predisposta dalla L.N.D., secondo apposito regolamento approvato dal Consiglio Federale ed una società retrocessa dalla Lega Pro – Divisione Unica. Per le società retrocesse dalla Lega Pro – Divisione Unica, ai fini del ripescaggio, sarà formata una graduatoria così formulata:

– società perdente il play-out del Campionato di Lega Pro – Divisione Unica, che ha conseguito il miglior punteggio in classifica, tra i tre gironi, al termine della regular season del Campionato di Lega Pro – Divisione Unica (2018/2019) 9 punti

– società perdente il play-out del Campionato di Lega Pro – Divisione Unica, che ha conseguito il secondo miglior punteggio in classifica, tra i tre gironi, al termine della regular season del Campionato di Lega Pro – Divisione Unica (2018/2019) 8 punti

– società perdente il play-out del Campionato di Lega Pro – Divisione Unica, che ha conseguito il terzo miglior punteggio in classifica, tra i tre gironi, al termine della regular season del Campionato di Lega Pro – Divisione Unica (2016/2017) 7 punti

– società perdente il play-out del Campionato di Lega Pro – Divisione Unica, che ha conseguito il quarto miglior punteggio in classifica, tra i tre gironi, al termine della regular season del Campionato di Lega Pro – Divisione Unica (2016/2017) 6 punti 

– società perdente il play-out del Campionato di Lega Pro – Divisione Unica, che ha conseguito il quinto miglior punteggio in classifica, tra i tre gironi, al termine della regular season del Campionato di Lega Pro – Divisione Unica (2016/2017) 5 punti

– società perdente il play-out del Campionato di Lega Pro – Divisione Unica, che ha conseguito il minor punteggio in classifica, tra i tre gironi, al termine della regular season del Campionato di Lega Pro – Divisione Unica (2016/2017) 4 punti

In caso di parità di punti in classifica, al termine della regular season, tra le società partecipanti al play-out del Campionato di Lega Pro – Divisione Unica (2017/2018), prevarrà la società con il maggior numero di vittorie; in caso di ulteriore parità, la società con il maggior numero di reti segnate; in caso di ulteriore parità, la società con il minor numero di reti subite; in caso di ulteriore parità, si procederà a sorteggio.– società classificatasi 20°, che ha conseguito il miglior punteggio in classifica, tra i tre gironi, al termine della regular season del Campionato di Lega Pro – Divisione Unica (2016/2017)

3 punti– società classificatasi 20°, che ha conseguito il secondo miglior punteggio in classifica, tra i tre gironi, al termine della regular season del Campionato di Lega Pro – Divisione Unica (2016/2017)

2 punti– società classificatasi 20°, che ha conseguito il minor punteggio in classifica, tra i tre gironi, al termine della regular season del Campionato di Lega Pro – Divisione Unica (2016/2017)

1 punto In caso di parità di punteggio in classifica, al termine della regular season, tra le società sopra citate, prevarrà la società che ha vinto più gare; in caso di ulteriore parità, la società che ha segnato più reti; in caso di ulteriore parità, la società che ha subito meno reti; in caso di ulteriore parità, si procederà a sorteggio.

B) Tradizione sportiva della città (valore 25%)La tradizione sportiva della città verrà valutata con l’attribuzione dei seguenti punti:

10 punti per la partecipazione ad ogni Campionato di Serie A dalla stagione sportiva 1929/30 alla stagione sportiva 2016/2017;

7 punti per la partecipazione ad ogni Campionato di Serie B dalla stagione sportiva 1929/30 alla stagione sportiva 2016/2017;

4 punti per la partecipazione ad ogni Campionato di Serie C dalla stagione sportiva 1935/36 alla stagione sportiva 1977/78;

4 punti per la partecipazione ad ogni Campionato di I Divisione, già Serie C1 dalla stagione sportiva 1978/79 alla stagione sportiva 2013/2014;

4 punti per la partecipazione ad ogni Campionato di Lega Pro Divisione Unica stagioni sportive 2014/2015, 2015/2016 e 2016/2017;

2 punti per la partecipazione ad ogni II Divisione, già Serie C2 dalla stagione sportiva 1978/79 alla stagione sportiva 2013/2014;

4 punti per ogni Scudetto vinto e riconosciuto dalla F.I.G.C. dal 1898;

2 punti per ogni Coppa Italia vinta;1 punto per ogni Supercoppa di LNP vinta;

5 punti per ogni Champions League/Coppa dei Campioni vinta;

3 punti per ogni Coppa delle Coppe vinta;

2 punti per ogni Coppa delle Fiere o UEFA//Europa League vinta.Non verranno computati ai fini della tradizione sportiva le stagioni sportive del 1943/1944, 1944/1945 e 1945/1946.

Alle società appartenenti alle singole griglie di cui alle precedenti lettere A1) A2) e A3) verrà attribuito un punteggio crescente di una unità per società, con valore più basso (1) assegnato alla società che, dalla sommatoria dei punteggi sopra indicati avrà totalizzato il valore più basso, fino ad attribuire il maggior punteggio alla società che, dalla sommatoria dei punteggi sopra indicati, avrà totalizzato il valore più alto. In caso di parità di punti, tra due o più società, prevarrà la società che avrà disputato il maggior numero di campionati di Serie A dalla stagione sportiva 1929/30 alla stagione sportiva 2016/2017; in caso di ulteriore parità, prevarrà la società con il maggior numero di campionati disputati in Serie B; in caso di ulteriore parità, prevarrà la società con il maggior numero di campionati disputati in Lega Pro – Divisione Unica, già Serie C e C1; in caso di ulteriore parità, prevarrà la società con il maggior numero di campionati disputati in Lega Pro – Divisione Unica, già Serie C2; in caso di ulteriore parità si procederà a sorteggio. Per le città sedi di più società, si terrà conto della tradizione sportiva del singolo club, cumulando, per il singolo club, i meriti sportivi conseguiti negli anni anche attraverso soggetti giuridici diversi.

C) Numero medio degli spettatori allo stadio dalla stagione 2011/2012 alla stagione 2015/2016 (valore 25%)Il numero medio degli spettatori allo stadio, va riferito alle gare interne di regular season disputate dalla stagione sportiva 2011/2012 alla stagione sportiva 2015/2016 ed è ottenuto dividendo il totale degli spettatori (paganti e abbonati) risultante dai dati forniti dalla SIAE per il numero totale di incontri di regular season disputati dalla società nel periodo suddetto.

Formazione della classifica – Si terrà conto del quoziente ottenuto con arrotondamento aritmetico alla prima cifra decimale. Alle società appartenenti alle singole griglie di cui alle precedenti lettere A2) e A3) verrà attribuito un punteggio crescente di una unità per società, con valore più basso (1) assegnato alla società il cui numero medio degli spettatori risulti essere più basso, fino ad attribuire il maggior punteggio alla società il cui numero medio degli spettatori risulti più elevato.In caso di parità, tra due o più società, per numero medio degli spettatori, prevarrà la società che nell’ultima stagione sportiva abbia il numero medio degli spettatori più elevato; in caso di ulteriore parità, si procederà a sorteggio.

Al criterio di cui alla lettera A) verrà attribuito un valore pari al 50%;Al criterio di cui alla lettera B) verrà attribuito un valore pari al 25%;Al criterio di cui alla lettera C) verrà attribuito un valore pari al 25%. Pertanto la classifica finale si otterrà utilizzando la seguente formula:punteggio classifica finale x 0,5 + punteggio tradizione sportiva x 0,25 + punteggio numero mediospettatori x 0,25.In caso di parità di punteggio nella classifica finale, prevarrà la società che ha ottenuto la concessione della Licenza Nazionale nel termine dell’11 luglio 2017. Qualora permanga ancora una situazione di parità, prevarrà la società meglio classificata secondo il criterio di cui alla lettera A).

D1. Le società non ammesse ai Campionati 2017/2018 saranno computate esclusivamente ai fini della redazione della classifica finale, essendo precluso alle stesse il ripescaggio e la partecipazione al campionato

.D2. Le società ripescate nelle ultime cinque stagioni sportive in qualsiasi Campionato professionistico saranno computate ai fini della redazione della classifica finale, ma saranno in ogni caso escluse dal ripescaggio.

D3. Le società che hanno subito sanzioni per illecito sportivo e/o per violazione del divieto di scommesse, scontate nelle stagioni 2015/2016 e 2016/2017, nonché le società che, al momento della decisione sui ripescaggi, abbiano subito sanzione per illecito sportivo e/o per violazione del divieto di scommesse da scontarsi nella stagione 2017/2018, saranno computate ai soli fini della redazione della classifica finale, ma saranno in ogni caso escluse dal ripescaggio.

D4. Le società che hanno scontato nelle stagioni sportive 2014/2015, 2015/2016 e 2016/2017 sanzioni per il mancato pagamento, nei termini prescritti, degli emolumenti dovuti ai tesserati, lavoratori dipendenti e collaboratori addetti al settore sportivo o delle ritenute IRPEF, o dei contributi INPS o del Fondo Fine Carriera relative ai suddetti emolumenti, saranno computate ai soli fini della redazione della classifica finale, ma saranno in ogni caso escluse dal ripescaggio.

D5. Le società a cui è stato attribuito nelle stagioni 2014/2015, 2015/2016, 2016/2017 il titolo sportivo ai sensi dell’art. 52, comma 3, delle NOIF, nonché le società a cui venisse attribuito il titolo sportivo nella stagione 2017/2018 in virtù della medesima disposizione, saranno computate ai soli fini della redazione della classifica finale, ma saranno in ogni caso escluse dal ripescaggio.

Le società, per essere ripescate, dovranno versare un contributo straordinario alla F.I.G.C., che non potrà essere inferiore:

– ad euro 300.000,00 (trecentomila/00) per il ripescaggio nel Campionato di Lega Pro – Divisione Unica.

Le società, per essere ripescate nel Campionato di Lega Pro – Divisione Unica Pro dovranno altresì depositare presso la Lega Italiana Calcio Professionistico l’originale della garanzia a favore della medesima Lega, a garanzia degli emolumenti dovuti nella stagione 2017/2018 ai tesserati, ai dipendenti ed ai collaboratori addetti al settore sportivo, secondo il modello tipo reso noto dalla F.I.G.C. con il Comunicato Ufficiale n. 122/A del 20 febbraio 2017, dell’importo di euro 200.000,00, rilasciata da Banche che figurino nell’Albo delle Banche tenuto dalla Banca d’Italia, dai soggetti iscritti nell’Albo di cui all’art. 106 del T.U.B., dalle società assicurative iscritte nel relativo Albo IVASS ed autorizzate all’esercizio del ramo 15 (cauzioni) di cui all’art. 2, comma 3 del Codice delle assicurazioni private, con rating Baa2, se accertato da Moody’s o BBB se accertato da Standard & Poor’s o BBB se accertato da Fitch o rating di pari valore se accertato da altre agenzie globali. Le società, per essere ripescate, dovranno ottenere la Licenza Nazionale relativa al campionato per il quale chiedono il ripescaggio. Ai fini del ripescaggio, non saranno ammesse deroghe sui Criteri Infrastrutturali fissati dalle Licenze Nazionali. 

Con successivo Comunicato Ufficiale saranno stabiliti i termini e le procedure per richiedere il ripescaggio.

TABELLA PUNTEGGI GRADUATORIA DI CUI ALL’ART. 49, LETT. C), PUNTO 3) DELLE N.O.I.F.

A) Le nove squadre vincenti la finale dei play off di ciascun girone saranno inserite in una graduatoria finale sulla base di un punteggio determinato dalla somma dei seguenti valori:

– media punti in classifica di ciascuna squadra, che avrà vinto la finale dei play off di girone, al termine della regular season (stagione sportiva 2017/2018);
– alla squadra vincitrice la Coppa Italia Serie D 2017/18, che avrà vinto la finale dei play off di girone, sarà aggiunto alla media punti un ulteriore punteggio di 0,50.
– alla squadra perdente la finale della Coppa Italia Serie D 2017/18, che avrà vinto la finale i play off di girone, verrà attribuito un ulteriore punteggio di 0,25
– alla squadra classificatasi al primo posto del girone per il Concorso “Giovani D valore”, che avrà vinto la finale dei play off di girone, verrà attribuito un ulteriore punteggio di 0,10.
– alle squadre classificatesi al secondo e terzo posto di ciascun girone per il Concorso “Giovani D valore”, che avranno vinto la finale dei play off di girone, verrà attribuito un ulteriore punteggio di 0,05. In caso di parità di punteggio tra le società sopra citate prevarrà la società con la migliore posizione in classifica in ciascun girone al termine della regular season. Persistendo ulteriore parità di punteggio tra le società sopra citate, prevarrà la società con la migliore posizione in classifica nella Coppa Disciplina la termine della regular season. In caso di ulteriore parità, si procederà al sorteggio.

B) Nel caso in cui, esaurita la graduatoria di cui al punto A) l’organico non sia completato si formerà una seconda graduatoria composta dalle nove squadre perdenti la finale dei play off di ciascun girone, le quali saranno inserite nella citata graduatoria sulla base di un punteggio determinato dalla somma dei seguenti valori:
– media punti in classifica di ciascuna squadra, che avrà perso la finale dei play off di girone, al termine della regular season (stagione sportiva 2017/2018);
– alla squadra vincitrice la Coppa Italia Serie D 2017/18, che avrà perso la finale dei play off di girone, sarà aggiunto alla media punti un ulteriore punteggio di 0,50;
– alla squadra perdente la finale della Coppa Italia Serie D 2017/18, che avrà perso la finale dei play off di girone, verrà attribuito un ulteriore punteggio di 0,25;
– alla squadra classificatasi al primo posto del girone per il Concorso “Giovani D valore”, che avrà perso la finale dei play off di girone, verrà attribuito un ulteriore punteggio di 0,10.
– alle squadre classificatesi al secondo e terzo posto di ciascun girone per il Concorso “Giovani D valore”, che avranno perso la finale dei play off di girone, verrà attribuito un ulteriore punteggio di 0,05. In caso di parità di punteggio tra le società sopra citate prevarrà la società con la migliore posizione in classifica in ciascun girone al termine della regular season. Persistendo ulteriore parità di punteggio tra le società sopra citate, prevarrà la società con la migliore posizione in classifica nella Coppa Disciplina la termine della regular season. In caso di ulteriore parità, si procederà al sorteggio.