Profilo

Siniša Anđelković nasce a Kranj, nell’ex Jugoslavia, oggi Slovenia, il 13 febbraio 1986, ed è un difensore di 188 cm per 85 Kg.

Dopo aver fatto un provino con lo Zarica Kranj, ha iniziato la carriera nel Triglav Kranj, con cui, in quattro stagioni, ha disputato 69 partite e segnato 3 reti. Nel 2008 passa al Drava Ptuj, e nella stagione 2008-2009 colleziona 34 presenze ed una rete in campionato, una presenza nel ritorno dello spareggio retrocessione vinta per 7-0 contro l’Aluminij. Segna di testa la prima rete in carriera il 9 maggio 2009 in Koper-Drava Ptyj (1-2). Inizia la stagione 2009-2010 ancora al Drava Ptuj, giocando tutte le partite di campionato fino al suo trasferimento al Maribor in inverno e divenendo titolare dei Vijolice e siglando 3 gol. Nella stagione 2010/2011 esordisce in Europa League nei preliminari contro il Videoton, vince il campionato con il Maribor di cui sarà in alcune occasioni anche capitano. Nella pausa di campionato sloveno, a dicembre, viene prelevato dal Palermo di Maurizio Zamparini, che ne rimane impressionato dopo una rete siglata contro i rosanero nel ritorno dei playoff di Europa League. Il suo cartellino viene pagato poco più di un milione, sottoscrivendo un contratto quadriennale. In rosanero – arrivato alla ripresa degli allenamenti dopo la pausa natalizia – trova altri tre calciatore conterranei: gli ex compagni al Maribor Armin Bačinovič e Josip Iličič (di cui è amico fin dall’infanzia) più l’altro neoacquisto Jasmin Kurtić. Esordisce con la maglia rosanero – da titolare – il 12 gennaio in Palermo-Chievo Verona (1-0) valida per gli ottavi di finale di Coppa Italia, esordendo quattro giorni dopo anche in Serie A (Cagliari-Palermo). Chiude la stagione con 7 presenze in campionato e 1 in Coppa Italia. Nella stagione 2011/2012 passa in prestito all’Ascoli in Serie B dove gioca 22 partite siglando 1 rete contro il Torino all’esordio. Nella stagione 2013/2013 viene trasferito in prestito al Modena in Serie B dove mette a segno 3 reti (contro Empoli. Crotone e SudTirol) in 33 incontri. Torna a vestire la maglia del Palermo nell’estate 2013, disputando 36 partite in B condite di 1 gol (contro il Modena alla prima di campionato) che consentono ai rosanero di tornare in Serie A. Con la maglia del club siciliano disputa in Serie A 32 partite nel 2014/15, 23 nel 2015/16, 22 nel 2016/17, stagione in cui il Palermo retrocede in serie cadetta e che decretano la fine dell’avventura in rosanero del difensore sloveno dopo 4 stagioni consecutive e 120 presenze di cui 84 in Serie A. Nel 2017/2018 si trasferisce al Venezia neopromosso in Serie B, dove disputa 32 partite più una di playoff, realizzando una rete. Inizia la stagione 2018/2019 con la maglia del Venezia, disputando 8 partite in Serie B. Nel gennaio 2019 il passaggio a titolo definitivo al Calcio Padova.

Curiosità: Quando i suoi genitori si separarono, lui rimase col padre mentre sua sorella seguì la madre in Germania. Ai tempi della scuola, si allenava a calcio e aveva un lavoro.

Arrivato al Palermo, venne aiutato a integrarsi dai compagni di squadra e connazionali Josip Iličič e Armin Bačinovič, imparando fra l’altro la lingua italiana. Il 6 agosto 2013 è diventato padre di Adrian, avuto dalla compagna Cristina.

Carriera

StagioneSquadraSeriePresenzeGol
2004/2005Triglav2. SNL141
2005/2006Triglav2. SNL210
2006/2007Triglav2. SNL252
2007/2008Triglav2. SNL90
2008/2009Drava Ptuj1. SNL361
2009/2010Drava Ptuj1. SNL220
2010Maribor1. SNL183
2010/2011Maribor1. SNL220
2011PalermoSerie A80
2011/2012AscoliSerie B231
2012/2013ModenaSerie B333
2013/2014PalermoSerie B381
2014/2015PalermoSerie A320
2015/2016PalermoSerie A240
2016/2017PalermoSerie A220
2017/2018VeneziaSerie B331
2018/2019VeneziaSerie B80
Gennaio 2019PadovaSerie B140

Nazionale

Il 25 gennaio 2011, da poco arrivato al Palermo, riceve la prima convocazione in Nazionale in vista dell’amichevole del 9 febbraio a Tirana contro l’Albania. In tale partita, vinta per 2-1 dalla sua squadra, esordisce in Nazionale subentrando ad Andraž Kirm all’87’. Il 25 marzo gioca per la prima volta una partita di qualificazione agli Europei 2012, subentrando a Mišo Brečko al 70′ della partita persa in casa contro l’Italia per 1-0. Torna a giocare in Nazionale a due anni e cinque mesi di distanza e nuovamente da giocatore del Palermo, nell’amichevole persa per 2-0 in casa della Finlandia in cui è subentrato al 63′ al posto di Dominic Maroh.

StagioneNazionalePresenzeGol
2011/2015Slovenia50